"[Putti musici e cantori ]" (bassorilievo), Magelli Vittorio (1954)

http://dati.emilia-romagna.it/id/ibc/IT-ER-X100MO08/HistoricOrArtisticProperty/124577 <https://w3id.org/arco/ontology/arco/MovableCulturalProperty>

In Vittorio Magelli si evidenzia un recupero stilistico dell’umanesimo classicheggiante di della Robbia e Desiderio da Settignano, elaborato sino ad ottenere un' “elegante asciuttezza del […] modellato” e un “delicato lirismo delle […] figure” (Teodoro C.F., 1995, p. 57) Il bassorilievo [Putti Musici e Cantori] riflette queste caratteristiche stilistiche e in aggiunta “[...] continua ad essere un bel documento di quell'amore che Magelli nutrì per la dolcezza e la grazia delle forme dei fanciulli, fino a farne uno dei motivi di più intensa ispirazione lirica del suo lavoro.” (ibid., p. 58)
"[Putti musici e cantori ]" (bassorilievo), Magelli Vittorio (1954) 
Figure di bambini 
1954 
bassorilievo 
Magelli Vittorio (1911 -1988) 
terracotta 
bibliografia di confronto: Teodoro C.F., Arte in vista. Monumenti, arredi e decorazioni d'arte ..., Modena, Il Fiorino, 1995 
bibliografia specifica: Collina C., Il percento per l'arte in Emilia-Romagna. La legge del 29 luglio 1949 n. 717: applicazioni ed evoluzioni del 2% sul territorio, Bologna, Compositori, 2009, 150 
In Vittorio Magelli si evidenzia un recupero stilistico dell’umanesimo classicheggiante di della Robbia e Desiderio da Settignano, elaborato sino ad ottenere un' “elegante asciuttezza del […] modellato” e un “delicato lirismo delle […] figure” (Teodoro C.F., 1995, p. 57) Il bassorilievo [Putti Musici e Cantori] riflette queste caratteristiche stilistiche e in aggiunta “[...] continua ad essere un bel documento di quell'amore che Magelli nutrì per la dolcezza e la grazia delle forme dei fanciulli, fino a farne uno dei motivi di più intensa ispirazione lirica del suo lavoro.” (ibid., p. 58) 
[Putti musici e cantori ] 

data from the linked data cloud

DATA

Licensed under Creative Commons Attribution 3.0 International (CC BY 3.0)