Sede dell'Associazione degli Industriali (Bologna)

http://dati.emilia-romagna.it/id/ibc/ArchitecturalOrLandscapeHeritage/151590 an entity of type: ArchitecturalOrLandscapeHeritage

progetto e costruzione - Sorge nel 1964 su progetto dell'architetto bolognese Enzo Zacchiroli (1919-2010). Ispirandosi alle opere di Frank Lloyd Wright e Alvar Aalto, Zacchiroli diventa architetto di primo piano nell'ambito bolognese. Il suo primo progetto è la sede della Johns Hopkins University di via Belmeloro (1960). Successivamente riceve l'incarico per la sede di Confindustria, vincitore fra le 18 proposte presentate. La costruzione sorge in una strada stretta dominata da un'edilizia comune e seriale. Qui Zacchiroli evita di integrarsi nel contesto, quindi usa materiali diversi e un'orientamento degli accessi e degli affacci non banalmente allineati alla strada. Il fabbricato è composto da tre piani più l'attico e un profondo portico che immette in una piccola corte a giardino. Nell'atrio si apre una sala per le assemblee dove domina il tono caldo del legno con sottili listelli alle pareti, che garantiscono un'acustica adeguata. I piani superiori sono destinati ad uffici, sale riunioni e servizi.
Sede dell'Associazione degli Industriali (Bologna) 
1960-1964 
Zacchiroli Enzo (progetto) 
progetto e costruzione - Sorge nel 1964 su progetto dell'architetto bolognese Enzo Zacchiroli (1919-2010). Ispirandosi alle opere di Frank Lloyd Wright e Alvar Aalto, Zacchiroli diventa architetto di primo piano nell'ambito bolognese. Il suo primo progetto è la sede della Johns Hopkins University di via Belmeloro (1960). Successivamente riceve l'incarico per la sede di Confindustria, vincitore fra le 18 proposte presentate. La costruzione sorge in una strada stretta dominata da un'edilizia comune e seriale. Qui Zacchiroli evita di integrarsi nel contesto, quindi usa materiali diversi e un'orientamento degli accessi e degli affacci non banalmente allineati alla strada. Il fabbricato è composto da tre piani più l'attico e un profondo portico che immette in una piccola corte a giardino. Nell'atrio si apre una sala per le assemblee dove domina il tono caldo del legno con sottili listelli alle pareti, che garantiscono un'acustica adeguata. I piani superiori sono destinati ad uffici, sale riunioni e servizi.  

data from the linked data cloud

DATA

Licensed under Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)